Banchina e canali

Non per niente è stata soprannominata la "Piccola Venezia della Linguadoca". Sète è attraversata da un labirinto di canali che garantiscono il collegamento tra la laguna di Thau e il mare. L'acqua si riflette sulle facciate colorate, conferendo alla città un fascino straordinario.
 

Suggerimento: Passeggiare a piedi lungo le banchine è senza dubbio il modo migliore per immergersi in questo scenario atipico. Dodici ponti vi aspettano. Ma state tranquilli, Sète è piccola, non potete perdervi.
Oppure lasciatevi andare sull'acqua a bordo di una barca... Possibilità di partecipare a un’escursione in mare o di noleggiare privatamente una barca (maggiori informazioni).
 
A Sète, il Canal Royal svolge il ruolo di Place Publique. La città è cresciuta intorno ad essa e attorno ad essa si offre come spettacolo.
Qui, tra i due ponti, si svolgono per tutta l'estate i popolarissimi tornei di giostre nautiche, sin dal luglio 1666.
 
Sul Quai Général Durand, comunemente noto come "quai de la Marine", i ristoranti si susseguono. Rendono onore alla gastronomia di Sète, ai pesci del Mediterraneo e ai crostacei della laguna di Thau. Lungo il molo, le tonniere di Sète attendono con orgoglio la loro partenza per la pesca del tonno rosso.
 
Lungo il Canal Royal si trova l'antico palazzo consolare costruito in stile art déco che ricorda l'importanza del commercio del vino attraverso le sue sculture esterne con grappoli di vite.
La sua architettura possiede un'influenza orientale con la sua torre centrale che ricorda un minareto.

In effetti, Sète ha intrattenuto, fin dal XIX secolo, stretti rapporti con il Nord Africa e soprattutto con l'Algeria. Il porto di Sète era il porto di scambio privilegiato per il commercio del vino.

Consiglio: Lasciate l'auto nel parcheggio all'ingresso est della città. Tra maggio e settembre è possibile raggiungere il centro città con una navetta fluviale elettrica.

I canali sono attraversati da numerosi ponti, alcuni dei quali mobili, ponti levatoi o girevoli, che permettono il passaggio delle imbarcazioni in orari prestabiliti.
La città è totalmente isolata quando tutti i ponti sono in posizione aperta, tornando temporaneamente ad essere un'isola.